Associazione Documenta Rotating Header Image

Video interviste

La resistenza veronese raccontata da protagonisti e testimoni.
Nel 2003 l’Istituto Veronese della Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea per celebrare i sessant’anni dalla Liberazione volle realizzare un documentario che, attraverso la voce dei protagonisti, raccontasse i fatti salienti della Resistenza veronese. Vennero intervistate una decina di persone e il filmato intitolato “…eppur bisogna andar..” fu proiettato la mattina del 25 aprile alla Gran Guardia di fronte ad una affollatissima sala, durante l’iniziativa che ogni anno il comune di Verona promuove per ricordare la Liberazione dal nazifascismo.
Ci si rese subito conto che del numeroso materiale registrato era stata utilizzata una piccolissima parte e che molti fatti raccontati dai testimoni sarebbero andati perduti se non avessimo trovato un modo per pubblicizzarli e renderli disponibili per le scuole e gli studiosi che si fossero interessati alla questione. Incominciammo quindi a raccogliere in DVD il materiale registrato e renderlo disponibile per coloro che frequentavano la sede dell’Istituto. Negli anni successivi la ricerca si ampliò e furono realizzati altri documentari: “Partigiani del Baldo -la Brigata Avesani”, La Resistenza a Fumane e “Con il fascismo ebbi alcuni guai,,,” sulla vita di Berto Perotti. Nel 2007 nacque l’Associazione Documenta. Memoria Immagine Territorio che organizzò con il contributo del comune di Fumane e il patrocinio di Ivres, l’associazione rEsistenze, il Centro di Documentazione per la Storia della Valpolicella, la prima rassegna di filmati sulla Resistenza Qualche hanno dopo le stesse organizzazioni istituirono il Concorso Vittorio Ugolini, rivolto alle scuole veronesi che avessero prodotto filmati sulla Resistenza, la democrazia e il lavoro. La raccolta delle testimonianze quindi proseguì anche tramite le scuole che parteciparono al concorso. Tra queste ricordiamo l’Istituto Giorgi di Verona, la scuola media di S. Zeno di Montagna, la scuola Primigi di Pazzon, e L’Istituto Turco Capelletti di Colognola ai Colli, Alcuni filmati vennero premiati anche in analoghi concorsi nazionali ottenendo significativi riconoscimenti.
Avevamo complessivamente raccolto più di cinquanta ore di testimonianze dalle quali nasceva un quadro realistico e totalmente privo di retorica della Resistenza veronese: giovani travolti dalla guerra avevano cercato, in un primo momento, di sottrarsi alla violenza e al pericolo nascondendosi in montagna o nei campi. Dall’incontro tra questi giovani e i partiti antifascisti clandestini nacquero le bande dei ribelli e successivamente il movimento resistenziale organizzato dal CLNV. In molti casi le formazioni partigiane avevano trovato un sostegno attivo nella popolazione che aveva consentito la sopravvivenza dei combattenti, soprattutto durante il lungo e freddissimo inverno del 1944. Certo non si trattava di un movimento paragonabile a quello piemontese o emiliano, ma Verona per la sua posizione strategica era la città italiana più presidiata da fascisti e nazisti e quindi le difficoltà che dovevano superare i partigiani erano enormi.
Abbiamo voluto quindi diffondere questo patrimonio locale di testimonianza civile, pubblicizzando sui siti delle tre organizzazioni che hanno lavorato per raccoglierlo, dei brevi brani delle videointerviste, mettendo a disposizione di tutti coloro che ne faranno motivata richiesta le intere testimonianze.

logo documenta              l         logo_ivres

Presidente Documenta                                    Presidente IVSREC                                       Presidente IVRES

Gianluigi Miele                                                    Stefano Biguzzi                                                 Gabriella Poli

 baldo

La creazione di questa parte del sito e
la digitalizzazione delle videointerviste è stata possibile grazie
al contributo di BIM Adige.

 

VIDEOINTERVISTE

ACHILLE BERGONZI nome di battaglia “Fulvo”, (Verona, data) partigiano della divisione Pasubio operò nella Lessinia orientale agli ordini di Giuseppe Marozzin. Con il grado di Capopattuglia. Partecipò a molte azioni fino al rastrellamento del Settembre ’43 che sconfisse la formazione partigiana. In questo breve estratto racconta la rappresaglia tedesca che portò all’eccidio di Montecchia di Crosara. L’intera intervista è consultabile presso le sedi dell’Istututo Veronese di Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea, di Documenta e dell’IVRES.

 

 

 

 

AGOSTINO BARBIERI

 

ALDA FASOLI

 

ALDO TINELLI

ANNA POZZANI

 

ANTONIA STOCCHERO

ASSUERO MARTINI

 

AURELIO BRUSCO

BATTISTA TRENTIN

Battista Trentini ( S. Zeno di Montagna 1926)
Battista Trentini ha sempre lavorato nelle malghe del Baldo. Durante il rastrellamento avvenuto nelle contrade di Laguna e Borno compiuto dai nazifascisti nel , fu scambiato per partigiano, catturato e incarcerato nell’edificio adiacente al Teatro Romano a Verona, venne torturato e poi spedito nel lager di Mauthausen. Successivamente fu adibito a lavori esterni al campo fino alla liberazione.

BERTO PEROTTI

BORTOLO SCHENA

CESARE DALLA RIVA

CESARINA STRAPARAVA

DORINA MARANGONI

GIANFRANCO DE BOSIO

GIANNA CASTELLETTI

GIANNETTO ALOISI

GIANNI MARINI

GINO PIUBELLO

IDA BONAFINI

GINO SPIAZZI

LUCIA LEPORATI

LUCIA PRANDINI

 

LUIGI SPINELLI

LUIGINA FUMANERI

MARIO MARANGONI

LUISA TAGLIAPIETRA

NORINO LA MONACA

 

PIETRO NICOLIS

 

R. ZORZI PARLA DI EGIDIO MENEGHETTI

 

R.ZORZI PARLA DI MAGAGNATO

Renzo Zorzi (Verona, 13 settembre 1921 – Albisano, 30 gennaio 2010) Intervistato da Gianluigi Miele nel gennaio del 2008 Renzo Zorzi scrittore e intellettuale veronese,
partigiano aderente alla formazione di “Giustizia e Libertà” racconta dell’amicizia che lo legò al Prof. Licisco Magagnato, partigiano di “Giustizia e libertà” e nel dopoguerra studioso di
arti figurative e direttore del Museo di Castelvecchio che ristruttutò affidando l’incarico all’architetto Carlo Scarpa.

RAUL ADAMI

RENATO SANDRI

RENATO SANDRI

RENZO ZORZI

Renzo Zorzi (Verona, 13 settembre 1921 – Albisano, 30 gennaio 2010). Renzo Zorzi scrittore e intellettuale veronese, partigiano aderente alla formazione di “Giustizia e Libertà” racconta dell’amicizia che lo legò al Prof. Egidio Meneghetti presidente del CLNV.

RICCARDO BANAFINI

Riccardo Bonqafini ha allevato mucche ed ha esercitato il mestiere di casaro. Riferisce del rastrellamento da parte dei nazifascisti, subito dalla contrada di Prabestemà (San Zeno di Montagna)il 27- 28 Ottobre del 1944

VITTORE BOCCHETTA

TERESA DAL CERO

Teresa Dal Cero ( N. Montecchia di Crosara – Vr nel 1928 ) Intervista del Marzo 2012 effettuata da G. Miele e dagli allievi dei terzi anni della Scuola Capelletti- Turco di Colognola ai Colli.
Riferisce della rappresaglia messa in atto dai tedeschi il 3 settembre del 1944 a Montecchia di Crosara

VITTORIO UGOLINI

Vittorio Ugolini [Fumane ( VR) – 1921-1981]
Medaglia d’argento al valor militare, Commissario Politico della Brigata Aquila che operava nella Lessinia occidentale, partecipò nel 17 luglio 1994 all’assalto al carcere agli Scalzi e alla liberazione del sindacalista Giovanni Roveda. Nell’assalto persero la vita Lorenzo Fava e Danilo Preto a cui fu conferita la Medaglia d’Oro al Valor Militare. Gli altri componenti del gruppo furono Aldo Petacchi, Berto Zampieri, ed Emilio Moretto. Nella breve Intervista Rai effettuata nel 1977, Ugolini racconta l’eroica azione.

close window

Service Times & Directions

Weekend Masses in English

Saturday Morning: 8:00 am

Saturday Vigil: 4:30 pm

Sunday: 7:30 am, 9:00 am, 10:45 am,
12:30 pm, 5:30 pm

Weekend Masses In Español

Saturday Vigil: 6:15pm

Sunday: 9:00am, 7:15pm

Weekday Morning Masses

Monday, Tuesday, Thursday & Friday: 8:30 am

map
6654 Main Street
Wonderland, AK 45202
(513) 555-7856